Mastoplastica riduttiva per gigantomastia 

Un seno di grandi dimensioni può comportare, oltre al disagio estetico che si accompagna all’aspetto spesso pendulo e cascante, disturbi funzionali come indolenzimento di spalle, collo e schiena e irritazioni cutanee in corrispondenza del solco sottomammario e delle zone in cui appoggiano le spalline del reggiseno.

Tale situazione può essere risolta con un intervento chirurgico di mastoplastica riduttiva, che consiste nell’asportazione di cute, ghiandola mammaria e tessuto adiposo mammario in eccesso al fine di alleggerire il seno, diminuirne il volume e rimodellarne la forma. Esistono molteplici tecniche chirurgiche, ognuna con specifiche indicazioni; tutte lasciano delle cicatrici, estensione ed evoluzione delle quali variano secondo il singolo caso e non sono correttamente prevedibili.

Modalità di intervento, tipo di anestesia, durata del ricovero e decorso post-operatorio differiscono ampiamente in base al quadro clinico individuale, che viene valutato insieme al grado di ipertrofia mammaria. Solitamente la mastoplastica riduttiva viene eseguita in anestesia generale con almeno una notte di ricovero in ospedale e il decorso post-operatorio richiede come minimo due settimane di riposo e un mese di astensione da sforzi fisici intensi.

 

DR. GABRIELE MEVIO

Specialista in chirurgia plastica, estetica e ricostruttiva

C.F. MVEGRL72P26I829G

P.IVA 00903750149

CONTATTI

via Filippo Argelati,44

20143 Milano

Tel. +39 3273695053 (Milano)

Mobile +39 3495866489

gabrielemevio@yahoo.it